Albino Pierro, Come cchi ti risponne

“ … Ié m’arricorde i fàvice lucente

ca tutt’aunite avìne lampe e sone

come cchi ti risponne:

a tti ca ci rirìse e ci iucàise

nmanz’i spiche d’u grène” .

 

[Io mi ricordo le falci lucenti

che tutte insieme avevano lampi e suoni

come per risponderti:

a te che sorridevi e ci giocavi

fra le spighe del grano]

 

(Albino Pierro, Come cchi ti risponne)

Il pane, Gianni Rodari

Se io facessi il fornaio, vorrei cuocere il pane
così grande da sfamare tutta, tutta la gente
che non ha da mangiare.

Un pane più grande del sole, dorato, profumato come le viole.
Un pane così verrebbero a mangiarlo dall’India e dal Chili
i poveri, i bambini, i vecchietti e gli uccellini.

Sarà una data da studiare a memoria: un giorno senza fame!
Il più bel giorno di tutta la storia.

(Il pane, Gianni Rodari)

Un torinese del Sud

“La Lucania mi pare più di ogni altro, un luogo vero, uno dei luoghi più veri del mondo […] Qui ritrovo la misura delle cose […] il pane che manca è un vero pane, la casa che manca è una vera casa, […]”
(Carlo Levi, citato in Gigliola De Donato, Sergio D’Amaro, Un torinese del Sud, Dalai, 2005, p. 162-163)